Mac OS X Leopard, primi commenti, prime critiche

Come di solito accade in queste circostanze, l’uscita del nuovo sistema operativo di Apple ha suscitato interesse, reazioni e commenti, anche se ovviamente con le dovute proporzioni rispetto a Windows Vista, dal momento che i sistemi operativi Microsoft si trovano installati su qualche milione di computer in più rispetto a Mac OS X e antenati; quanto al funzionamento ci sarebbe qualcosa da dire, ma non è questa la sede.

Marco Papale

Naturalmente Apple mette a disposizione del pubblico descrizioni e visite guidate di Leopard, sia come video, sia in forme diciamo più tradizionali. Sono già usciti diversi commenti e prove su strada, che sottolineano le numerose novità, difficili perfino da elencare senza stancare i potenziali lettori. Proprio per questo mi limiterò a menzionare alcune recensioni cercando di limitare a poche righe riassuntive le principali conclusioni di ognuna.

In questa prima parte vorrei esaminare le critiche, per poi passare ai commenti positivi nella seconda (e, a occhio e croce, anche terza) parte di questa breve rassegna. Inizierei con alcune questioni di programmazione, a partire da quelle di Jeremiah Foster per macdevcenter.com: buono il supporto per Ruby e Python, trascurato invece perl. Ma su questo fronte, il problema più sentito sembra quello di Java: per il supporto dell’ultima versione (la 1.6), bisognerà aspettare, se mai ci sarà, l’uscita degli strumenti di sviluppo prodotti da Apple (e non da Sun Micosystems) per questo linguaggio.

Per quanto riguarda i programmi applicativi e le relative criticità, a quanto sembra ci

Application Enhancer di Unsanity

sarebbero problemi di compatibilità con Application Enhancer, un programma prodotto da Unsanity (nomen omen?), che in alcuni casi avrebbero provocato la comparsa di schermate blu e il conseguente abbandono degli aggiornamenti.

Per chiudere il discorso sui punti critici, almeno per il momento, vorrei menzionare alcune osservazioni di ThinkMac riguardo certe inconsistenze visuali del nuovo sistema operativo: cartelle indistinguibili, stelline che si confondono con la lucina di stato del Dock, finestre di aiuto troppo invadenti, sono solo alcune delle lamentele di Rory Prior, che si dice abbastanza soddisfatto delle novità di Leopard, ma chiede di rimuoverne le inconsistenze.

Quale cartella?Quale cartella?

Vedremo in seguito gli aspetti più apprezzati e magari alcuni trucchi del nuovo sistema operativo, sempre attraverso gli occhi dei commentatori in attesa di provarlo dal vivo.

[Via|AppleLounge]

Apple Prepara Un Multitouch Tablet?

Tablet Mac

 

Apple si sta preparando alla commercializzazione di un tablet con tecnologia multitouch, pronto per la primavera prossima. Questa è la notizia, più una speranza a dire la verità considerando che sono rumors che scompaiono e ricompaiono da mesi, che sta rimbalzando in questi giorni. Fino alla fine del 2006, il multitouch non veniva neanche menzionato. Da quando invece, al MacWorld ’07, venne presentato l’iPhone, non si fa che parlare di quello. Uno schermo sensibile al tocco delle nostre dita, che possono selezionare parti indipendenti tra di esse. Continua a leggere

Il Ruggito Del Leopardo

Con la classica chiusura e riapertura dello store online, Apple ha finalmente confermato la data di uscita di Leopard: Venerdì 26 Ottobre.

Ormai il mese di Ottobre giunge al termine, solo un paio di settimane e Novembre ci avvolgerà con le sue giornate uggiose. Eppure da Cupertino non era ancora giunta voce sulla data di rilascio del nuovo O.S. targato Apple, previsto proprio per questo mese. Proprio ieri, ThinkSecret dava la notizia ufficiosa del giorno in cui Leopard avrebbe fatto la sua comparsa sugli scaffali di mezzo mondo: proprio Venerdì 26. Voci e voci si erano susseguite sulla data effettiva di commercializzazione della versione 10.5 di Mac OSX, indicando proprio quel giorno come il più indicato, considerando che anche Tiger era apparso proprio un Venerdì. Nessuna notizia ufficiale ha confermato fino al primo pomeriggio, dopo che la chiusura dello store aveva creato la giusta suspence per un evento del genere.

Immersi in un safari alla ricerca di un Leopardo del quale sentivamo solo passi felpati all’orizzonte, finalmente lo sentiamo ruggire. Ecco in che versioni uscirà il nuovo sistema operativo:

Leopard

  • Mac OSX 10.5 Licenza Singola: 129€
  • Mac OSX 10.5 Family Pack (fino a 5 computer): 199€
  • Mac OSX 10.5 Server (10 client): 459€
  • Mac OSX 10.5 Server (client illimitati): 929€
  • Mac OSX 10.5 Server (aggionamento da 10 client a client illimitati): 459€

I mac users, dopo mesi in cui tutta l’attenzione mediatica si era concentrata unicamente verso l’iPhone, non vedono l’ora di tornare a parlare di Macintosh e provare le nuove features (oltre 300 secondo lo zio Steve) che fanno di Leopard il nuovo gingillo Apple, pronto a scatenare entusiasmi, polemiche e fotocopiatrici da tutte le parti.

L’invisibile Mac

Oggi ho da segnalare un link a tutti gli appassionati di design o di mac Think Apple(che sovente coincidono nella stessa persona). Questo pool di Flickr ospita diverse centinaia di immagini di prototipi Apple (parafrasando una celebre frase di Blade Runner) che voi umani non potreste nemmeno immaginarvi.

Continua a leggere

Attrazione magnetica

iMac

Apple ci sta abituando alla presenza sempre più massiccia di magneti all’interno delle sue macchine: basti pensare al connettore MagSafe o alla chiusura magnetica dei MacBook, per non parlare del fatto che sono oramai diversi anni che il sensore per la chiusura del lid nei portatili è di tipo magnetico. E mi ero pure dimenticato dell’Apple remote che si attaccava magneticamente al vecchio iMac!
Sorprendentemente Apple ora usa i magneti anche per montare i vetri nel nuovissimo iMac. Continua a leggere

Fare il riassunto velocemente con il Mac

summarize

Alzi la mano chi ha mai usato il servizio di riassunti made in apple. Io mai e non mi ero neanche mai accorto della funzione e dire che esiste gia da Panther.

Il funzionamento e’ molto semplice, basta andare in una pagina web usando Safari, selezionare un testo e cliccare la funzione Summarize sotto Finder / Services. Il testo verra’ copiato in una finestrella dove abbiamo l’opzione di selezionare quanti paragrafi o frasi del riassunto vogliamo.

Il programma crea il riassunto in base alle keyword e frasi usate e incredibilmente spesso viene anche bene. In un test che ho fatto riassume questa intera pagina con:

The teenage hacker sparked a tech-world frenzy last week when he unlocked his Apple iPhone from AT&T’s wireless network, freeing the gadget for use on other mobile networks.

Queste 2 righe non sono in cima all’articolo, cio’ vuol dire che il programmino e’ anche intelligente.

Purtroppo non tutti i programmi supportano questo funzione, ma basta copiare e incollare il testo in textpad e dopo summarize sara’ disponibile.

iMovie 08, e’ veramente più veloce?

imovie

Vediamo alcune delle novità di questo nuovo software made apple.

La prima cosa che colpisce e sicuramente la sua interfaccia grafica più simile a Final Cut con lo sfondo grigio scuro, la project library ed event library che facilitano la ricerca e l’organizzazione dei filmati rendendolo più’ simile ad iPhoto.

Tra le funzioni più’ innovative c’e’ senzadubbio lo skimming. Infatti, basta passare il cursore sopra ad una clip video e senza premere nessun tasto possiamo vedere un preview video avanti e indietro, con audio e non. Questo e’ molto ultile per trovare un pezzo di video che vogliamo aggiungere al nostro progetto.

Per aggiungere i pezzi di video che ci interessano in un progetto si può operare in diversi modi. Il mio metodo, e premere il tasto Edit Tool (tasto E) poi fare lo skimming su una clip tenendo premuto il tasto sinistro, quando si rilascia il tasto il pezzo della clip viene automaticamente mandato nel progetto.

Tra le altre novità c’e’ la nuova interfaccia di regolazione del colore del video, luminosità, contrasto, più simile a aperture/iphoto e più user friendly che il vecchio iMovie. La funzione crop e ruota video, la possibilità di stampare il progetto, forse per i più esperti che vogliono fare uno story board veloce per poi operare in FinalCut Pro.
Continua a leggere